Archivi tag: MIO

Taglio l’erba o mi faccio un’ insalata?

il MIO Laboratorio creativo
il MIO Laboratorio creativo

Ho deciso: “oggi taglio l’erba”…… “ma che strazio !”
Intanto faccio un giro in giardino a controllare la situazione e mi godo un pò di tranquillità….poi vedrò.
La lavanda è una meraviglia, il suo profumo inebriante… è tempo di raccolta…. Voglio aspettare ancora un pò e lasciare che le api si delizino del polline.
I “ciliegini” stanno maturando ma ancora non ci siamo…..al momento abbiamo mangiato un unico pomodorino diviso in tre persone….devo dire che era dolcissimo. Sono quindi fiduciosa.

E il prato?

Continua la lettura di Taglio l’erba o mi faccio un’ insalata?

Gli aromi estivi

Erbe aromatiche

chives-1247549-639x424

Che meraviglia alzarsi la mattina e concedersi una fresca passeggiata in giardino per osservare i cambiamenti, le crescite, le fioriture e gioire dei regali della natura. Raccogliere qualche ciuffetto di menta e prepararsi un Tè rinfrescante per iniziare la giornata.

Uno dei vantaggi nel possedere un piccolo giardino o un terrazzino è la possibilità di poter coltivare una buona varietà di erbe aromatiche, da usare per dare un tocco speciale ai nostri piatti e alle nostre bevande , per usarli come rimedi naturali oppure per aromatizzare liquori e grappe.

E allora perchè non godersi per tutta l’estate il profumo intenso del rosmarino, dell’origano, del basilico e di tutti gli aromi che il MIO giardino mi regala.

E ancora, perchè non raccogliere queste meraviglie e conservarne un pò per allietare i lunghi inverni freddi ?

In questo articolo ho voluto raccogliere un pò di metodi e consigli che mi sono stati utili per preparare le mie scorte invernali.

 

SONY DSC
SONY DSC
Come conservare le erbe aromatiche

A seconda di che pianta si tratta andrebbe raccolto il rametto, le singole foglie o il nuovo germoglio. Una regolare raccolta delle erbe aromatiche, tra l’altro, fa bene alla pianta e ne incrementa la crescita.  La consevazione sicuramente non permette di mantenere tutti i vantaggi della pianta fresca, sono quindi doverosi alcuni accorgimenti.

La raccolta andrebbe fatta, in ogni caso, prima della fioritura e al mattino presto quando la pianta possiede la massima concetrazione di olii essenziali. Altro aspetto importante è che dopo la raccolta le erbe devono essere lavorate subito. Per sminuzzarle è importante usare un coltello ben affilato onde evitare che il colore e l’aroma vadano persi sul nostro tagliere. Per il metodo di conservazione basta scegliere quello più adatto alle nostre esigenze, i metodi sono tanti.

sage-plants-1165808-639x852

Congelare

Molte erbe aromatiche si adattano bene al congelamento, tra le molte sicuramente, il prezzemolo, l’erba cipollina, l’aneto, l’estragon, il cerfoglio, la salvia, il timo, la menta, la maggiorana e l’origano.

Certamente quello più veloce è il congelamento dei rametti da tirare poi fuori all’occorrenza. Un’altro modo è quello di sminuzzare le erbe con un coltello affilato o con forbici per erbe aromatiche e dopodichè congelarle in piccoli contenitori di plastica oppure preparare con le stesse dei cubetti di ghiaccio da tirare fuori a seconda dell’esigenza.

herbs-1323754-639x427

Essiccare

L’essiccazione è certamente uno dei metodi più semplici di conservazione, tuttavia non tutte le erbe aromatiche sono appropiate, in quanto perdono gran parte dell’aroma o cambiano di sapore.

Per l’essiccazione sono adatte erbe aromatiche come : l’artemisia, la santoreggia, l’origano, la maggiorana, l’estragon, la salvia, il timo, il rosmarino, l’alloro, la citronella, la melissa e la menta.

I rametti non andrebbero lavati ma semplicemente scossi, dopodichè raccolti in mazzetti non troppo stretti e avvolti in un pezzo di carta bucherellata, appesi a testa in giù in un posto buio asciutto e ventilato.

Una variante è quella di costruirsi delle piccole cornici di legno dove distendere dei pezzi di garza sui quali adagiare i rametti e lasciarli essiccare all’ombra in un posto ventilato e asciutto.

In autunno o in primavera quando ancora le temperature non sono alte e l’essiccazione all’aria impiega troppo tempo, si può optare per il forno. Ad una temperatura di 30/35 gradi e il forno leggermente aperto dopo circa tre ore le erbe sono essiccate.

 

Sott’olio

Una possibile variante è quella di preparasi differenti olii aromatizzati, tuttavia da poter usare solo a crudo.

 

Ognuno scelga quella più adatta alle proprie esigenze. Personalmente mentre sto cucinando adoro aprire i miei barattolini di erbe essiccate, chiudo gli occhi e sono per incanto in giardino una mattina d’estate a raccogliere un rametto di menta per prepararmi un  Tè rinfrescante. ;-))

43338-O3RZQ6

Lo Spaventapasseri

IL MINI ORTO

Qualche volte le idee più riuscite sono quelle nate dalla spontaneità di un attimo, dalla necessità di risolvere un piccolo banale cruccio quotidiano.

Il  Trend di oggi per chi ha un pò di tempo da dedicare a se stesso, per chi si sente “Green” e  ama la libertà, è quello di coltivarsi un proprio orto, ovviamente 100% naturale e biologico!

Le possibili realizzazioni a proposito sono svariate. Si può optare per un orto tradizionale, (giardino permettendo), per uno in vaso, per poi passare a quelli in grandi conche rialzate , (perchè si sà  “la terra è bassa” dicevano i contadini di un tempo!) e infine per chi ha davvero poco posto c’è la possibilità di creare un orto verticale.

L’idea di coltivare le proprie verdure è qualcosa di affascinante e che trasmette un certo senso di libertà…..IO decido di coltivare le mie verdure! IO  decido che le mie verdure devono essere al 100% naturali!…..(cosa in realtà impossibile da realizzare veramente). Comunque sia è un bel regalo che possiamo concedere a noi stessi e quindi perchè no!?

MIO figlio ha avuto l’idea! Un giorno mentre ero in giardino intenta a sistemare una zona dove non cresceva niente di interessante, arriva mio figlio e mi dice “Mamma facciamo un orto?!”.

Devo dire che anche se sapevo, che il “lavoro sporco” sarebbe toccato a me, ho colto l’idea come occasione per fargli capire da dove arriva la roba che trova nel frigorifero e sopratutto il lavoro necessario per farcela arrivare.

Ci siamo messi al lavoro, abbiamo zappato, tolto le erbacce, preparato il terreno e seminato. La nostra scelta è andata su verdure che a mio figlio piacciono; carote, piselli e zucche, con l’aggiunta di qualche piantina di pomodorini, fragole e cetriolini.

Tutti i giorni controlliamo eccitati i progressi del nostro mini orto alla ricerca di piccoli movimenti, di germogli che dovrebbero spuntare o di qualche fiore che precede l’arrivo del “frutto”.

L’altro giorno con nostro disappunto vediamo planare sul nostro orto un piccione che vorace comincia a raspare proprio dove abbiamo seminato.

EH NOOO!!!!!   COSI’ NON VA MIO CARO PICCIONE!!!

Cosa fare per salvare il nostro lavoro?? Allora mi è venuta un’idea!!!

Uno   SPAVENTAPASSERI!!!!!

Ovviamente porporzionato al nostro orto…… un MINI SPAVENTAPASSERI!

Con uno stecchino da spiedo, una pallina di carta pressata, un pò di erba secca, dei fogli di feltro fine, ago, filo e un pò di pazienza, il risultato è stato davvero simpatico e ha aggiunto un tocco di colore e fantasia al nostro piccolo orto. Per quanto riguarda il compito assegnatogli, in questo caso quello di spaventa piccioni, non ho certezza e non me ne vogliate, non posso garantire.

spaventa web 2

La Mamma

 

Prima di diventare mamma,

non avevo idea di quale fosse il vero significato delle parole ” amore materno “.

L’idea che avevo a proposito era del tutto teorica e incapace di catturare le varie sfumature che questo ruolo comporta.

Una donna che decide di diventare Mamma dovrebbe “SEMPLICEMENTE” , come con una spugna su una lavagna, cancellare tutto ciò che è in quel momento e rincominciare a scrivere se stessa in armonia e simbiosi con un altro essere umano.

Questo processo può essere a volte difficile e pieno di sofferenza,

ma allo stesso tempo ha un valore fondamentale,

perchè è  proprio questa trasformazione interiore,

appunto, il regalo più importante che possiamo fare a nostro figlio.

Durante questi anni ho approfondito il significato di alcune parole e

so già che lo farò sicuramente con altre ancora……..

dedizione     condivisione

pazienza                      generosità

 sostegno                ansia

speranza

paura                                gratitudine

valore                                          fiducia

AMORE  

per quello che vivo ora nel MIO ruolo di mamma….. vorrei solo dire…….

GRAZIE MAMMA!!!

Primavera

Finalmente la Primavera!

E’ arrivata!

Dopo mesi di cieli grigi pieni di pioggia, di neve e gelo, tanto attesa e desiderata è finalmente arrivata la primavera!

Il giardino mi incoraggia con dei segnali  quasi impercettibili dell’avvicinarsi del risveglio primaverile. I primi coraggiosi a fare capolino sono i bucaneve. Quando li vedo so’ che è ancora questione di qualche settimana per poter godere dell’esplosione di colori e di vita che il MIO giardino mi regala. Il prato si riempie di primule, gli alberi si rivestono con il verde brillante di nuovi germogli, con lo sbocciare profumato dei fiori e con il movimento indaffarato degli insetti.

Tutta questa energia mi attira e mi ispira. Ogni tanto esco e guardo intorno alla ricerca di cambiamenti, di movimenti, di segnali.

Ho deciso, voglio sistemare una zona del giardino dove  fino ad ora non è cresciuto niente di interessante …. quindi comincio a scavare e a muovere la terra per togliere le erbacce e  i cocci.

Dopo un pò arriva mio figlio e mi dice “Mamma perchè non seminiamo un orto, così poi possiamo mangiare le nostre verdure!!”………bell’idea……….. sapevo già come sarebbe andata; io avrei lavorato, lui avrebbe seminato e annaffiato.

Abbiamo scelto i semi……carote, piselli e zucche. Abbiamo comprato una piantina di pomodori…. e via al lavoro per creare il nostro piccolo orto.

Dopo cinque minuti dalla semina mio figlio fa: ” Ma quanto ci mettono queste carote a crescere??????…. ho fame !!!

Si è proprio vero Pazienza e Attesa sono parole che non appartengono alla dimensione di un bambino.

12982-NOLDOLweb

 

 

 

 

 

 

“Un Cactus in vetro ristretto…. grazie! “

“Casa dolce casa”

Prima di cominciare a svuotare la casa per poterla  ristrutturare, mi sono divertita a frugare in ogni luogo alla ricerca di piccoli tesori.

Ho trovato oggetti sconosciuti e a volte un po’ curiosi. Vecchie cartoline, ritagli di giornali per me senza significato, fotografie sbiadite e anche oggetti carini che ho tenuto senza sapere al momento come li avrei usati.

Tra questi, in una vecchia vetrina, ho trovato una serie di bicchierini per amaro. Tutti scompagnati, qualcuno sbeccucciato e alcuni adirittura con il marchio di un liquore alla moda qualche tempo fa….

Mi dispiaceva buttarli, anche se non erano più utilizzabili erano pur sempre carini.

Li ho tenuti e messi via ……………..poi……..

……………Poi un giorno, mi è venuta un’ idea carina e veloce per ridare a questo piccolo tesoro un nuovo ruolo da interpretare …..

……e li ho trasformati in vasetti per i miei cactus in miniatura.

Ecco i MIEI “Cactus in vetro ristretti”.P1080036web P1080034web P1080033web P1080032web P1080035web P1080013web